Crea sito

Italiano L2/LS: i gesti

Un argomento di cultura che ogni insegnante di italiano L2/LS si trova ad affrontare è senza dubbio quello della consuetudine degli italiani a “parlare con le mani” (parafrasando i 24 Grana di Regina).

gestoPresa da qui

Il New York Times pubblica una Breve storia della gestualità italiana, facendo presente come alcuni studiosi ricolleghino questa nostra caratteristica all’ alta densità delle colonie della Magna Grecia e alla conseguente necessità di accompagnarsi con gesti delle mani per attirare l’ attenzione e quindi rivendicare per sé il turno di parola:

Secondo Adam Kenton, direttore della rivista Gesture, città sovrappopolate come Napoli potrebbero essere state la culla del gesticolare italiano: “Un modo per attirare l’attenzione usando anche il corpo”. Mentre la Poggi (Isabella Poggi, docente presso l’ Università degli Studi Roma Tre) ricorda la tesi dell’archeologo dell’ottocento Andrea De Iorio, che aveva trovato analogie tra i gesti contemporanei e quelli usati dalle figure dipinte sui vasi greci. Questo perché anche con il passare di secoli, “I gesti cambiano meno delle parole”, sottolinea la studiosa.

 

(Dall’ articolo di TIZIANO TONIUTTI per Repubblica).

 

Di seguito il video del New York Times:

 

Su youtube si trovano diversi video utili, come questo di Fabio Caon sul canale LABORATORIOITALS

 

Alfredo Cassano nel suo blog disegna invece i gesti più popolari accompagnandoli a didascalie in inglese:

By Alfredo Cassano

By Alfredo Cassano

italian gestures2

By Alfredo Cassano

By Alfredo Cassano

 

 

L’ argomento era già stato trattato da un napoletano (procidano, per l’ esattezza) nell’ Ottocento: l’ archeologo ed etnografo Andrea de Jorio pubblicava nel 1832 La mimica degli antichi investigata nel gestire napoletano, con tanto di tavole illustrative.

Il tutto lo potete trovare su Google libri cliccando qui.

 

Tags: , , , ,

Comments are closed.